Chi siamo

La storia, i protagonisti e il cammino della Pastorale Giovanile di Trieste

News

Tante proposte, tanti incontri, ma un unico modo di essere Chiesa

A tu per tu con il vescovo

In dialogo con il nostro Vescovo. Scrivigli:

Spirito giovane

Alcuni spunti quotidiani per vivere l'appuntamento con il Signore

Ripensa il tuo tempo

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Giovanni 6,1-15.

  • Venerdì 28 Aprile 2017

in quel tempo, Gesù andò all'altra riva del mare di Galilea, cioè di Tiberìade,
e una grande folla lo seguiva, vedendo i segni che faceva sugli infermi.
Gesù salì sulla montagna e là si pose a sedere con i suoi discepoli.
Era vicina la Pasqua, la festa dei Giudei.
Alzati quindi gli occhi, Gesù vide che una grande folla veniva da lui e disse a Filippo: «Dove possiamo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?».
Diceva così per metterlo alla prova; egli infatti sapeva bene quello che stava per fare.
Gli rispose Filippo: «Duecento denari di pane non sono sufficienti neppure perché ognuno possa riceverne un pezzo».
Gli disse allora uno dei discepoli, Andrea, fratello di Simon Pietro:
«C'è qui un ragazzo che ha cinque pani d'orzo e due pesci; ma che cos'è questo per tanta gente?».
Rispose Gesù: «Fateli sedere». C'era molta erba in quel luogo. Si sedettero dunque ed erano circa cinquemila uomini.
Allora Gesù prese i pani e, dopo aver reso grazie, li distribuì a quelli che si erano seduti, e lo stesso fece dei pesci, finché ne vollero.
E quando furono saziati, disse ai discepoli: «Raccogliete i pezzi avanzati, perché nulla vada perduto».
Li raccolsero e riempirono dodici canestri con i pezzi dei cinque pani d'orzo, avanzati a coloro che avevano mangiato.
Allora la gente, visto il segno che egli aveva compiuto, cominciò a dire: «Questi è davvero il profeta che deve venire nel mondo!».
Ma Gesù, sapendo che stavano per venire a prenderlo per farlo re, si ritirò di nuovo sulla montagna, tutto solo.

Leggi tutto il vangelo del giorno
Iniziative di volontariato per adolescenti e giovani Servire. Che cosa significa? Servire significa accogliere la persona che arriva, con attenzione; significa chinarsi su chi ha bisogno e tendergli la mano, senza calcoli, senza timore, con tenerezza e comprensione, come Gesù si è chinato a lavare i piedi agli Apostoli. Servire significa lavorare a fianco dei più bisognosi, stabilire con loro prima di tutto relazioni umane, di vicinanza, legami di solidarietà. Solidarietà, questa parola che fa paura per il mondo più sviluppato. Cercano di non dirla. E’ quasi una parolaccia per loro. Ma è la nostra parola! Servire significa riconoscere e accogliere le domande di giustizia, di speranza, e cercare insieme delle strade, dei percorsi concreti di liberazione. I poveri sono anche maestri privilegiati della nostra conoscenza di Dio; la loro fragilità e semplicità smascherano i nostri egoismi, le nostre false sicurezze, le nostre pretese di autosufficienza e ci guidano all’esperienza della vicinanza e della tenerezza di Dio, a ricevere nella nostra vita il suo amore, la sua misericordia di Padre che, con discrezione e paziente fiducia, si prende cura di noi, di tutti noi. Vorrei allora che partisse una domanda per tutti, per tutte le persone che abitano qui in questa diocesi di Roma: mi chino su chi è in difficoltà oppure ho paura di sporcarmi le mani? Sono chiuso in me stesso, nelle mie cose, o mi accorgo di chi ha bisogno di aiuto? Servo solo me stesso o so servire gli altri come Cristo che è venuto per servire fino a donare la sua vita? Guardo negli occhi di coloro che chiedono giustizia o indirizzo lo sguardo verso l’altro lato? Per non guardare gli occhi? Dico: “Io ci sono. Come posso dare una mano?” imagePapa Francesco imageAnche nella nostra città di Trieste molte persone sono nel bisogno e aspettano qualcuno che tenda loro la mano. Se desideri donare loro un po' del tuo tempo, ecco alcune possibilità
Scopri di più

La terra di Maria
John Bruchalski, ginecologo di Washington D.C., inizia a praticare aborti appena conclusi gli studi in medicina, convinto di offrire un aiuto a molte donne. Constata il contrario: «Aumentavan...


Antwone Fisher
E' possibile cambiare, maturare? Ci si può riuscire da soli? Una bella storia sull'importanza del chiedere e dare aiuto.


Mai più come prima
Cosa significa diventare "adulti". La toccante storia di un gruppo di giovani dopo l'esame di maturità.


Scopri di più

1a Scheda del Sussidio in preparazione alla GMG 2016


"Volevo dirgliene quattro..."
A trent’anni, con un figlio in arrivo, Filippo, animatore all’oratorio, e Anna, la sua giovane moglie, si trovano di fronte a una notizia che li sconvolge: a lui viene diagnosticata una...


PIANO TERRA
Ancora una volta il Signore Gesù è al centro dell’Oratorio estivo, determinando il cuore di una proposta che invita i ragazzi ad appropriarsi dei loro spazi e del loro tempo, pe...


Scopri di più

Esercizi spirituali per Giovani 3


ANIMATORI ED EDUCATORI IN DIALOGO CON LA FAMIGLIA- Prof. Franco Miano


PREADOLESCENTI, ADOLESCENTI E GIOVANI. Per un vocabolario di pastorale giovanile


Scopri di più

Le nostre esperienze